Ho smesso di fumare… è terribile!

ho smesso di fumareCosa succede quando smetti di fumare…?

Ansia, depressione, insonnia, voglia di fumare, senso di vuoto, pensiero fisso…

Ma anche: gioia, felicità, serenità, liberazione, vittoria. Diciamo poi che il “sintomo” più comune è un po’ di disorientamento, ed è del tutto normale. Dopo anni passati insieme alle sigarette e normale sentirsi un po’ strani quando ci si separa. Non c’è da preoccuparsi.

Mi rapporto con tanti fumatori e fumatrici, sia persone che hanno svolto un mio corso, sia persone che hanno solo letto qualche post sul mio blog, su Facebook o visto qualche mio video su Youtube.

Ci sono persone per cui è abbastanza facile smettere. Posso dirti, in tutta sincerità, che ci sono persone che mi scrivono e che hanno smesso di fumare e sono felici senza nemmeno aver svolto un mio corso.

Hanno smesso semplicemente leggendo un post qui sul mio blog o addirittura solo seguendo ciò che scrivo nella pagina facebook o guardando qualche mio video della mia rubrica settimanale “3 minuti la domenica mattina”.

Dove sta il “terribile”

Viceversa ci sono fumatori per cui smettere di fumare è molto complicato, ma soprattutto “doloroso”, ma non tanto in termini di dolore fisico ma più emotivo, diciamo più un dolore di cuore e di testa. Non è MAI quindi un fatto di capacità individuali o “bravura”, ma più di sentimenti…

Ho smesso di fumare e sento un terribile senso di vuoto, tristezza, ansia, oppure ho smesso di fumare e sono sereno e felice. Si tratta della stessa identica cosa eppure le reazioni sono totalmente differenti. E se ci pensi ha quasi dell’incredibile. Si tratta della stessa cosa, cioè un atto di per sé semplice come non accendersi più una sigaretta, eppure…

Alle volte qualcuno mi dice che sta provando qualcosa di terribile e lo capisco. Ma se indaghi un po’ non c’è nessun dolore fisico, ma tutto quel “terribile” sta solo dentro la testa e molto probabilmente dentro al proprio cuore.

Vediamo un po’ cosa cambia e come si può trovare un po’ di pace soprattutto per coloro, e sono quelli che mi interessano di più, che provano più dolore e sentono di più la mancanza quando decidono di smettere di fumare.

ho smesso di fumare

Photo by Cayton Heath on Unsplash

Non nel corpo ma nella mente e nel cuore

La dipendenza da nicotina è molto poco fisica e infatti tutte le terribili sensazioni che provano i fumatori quando smettono di fumare sono frutto della mente. Se provi dei dolori fisici (e può succedere) è perché mente e corpo sono inevitabilmente collegati e quindi se la mente “sta male” trasferisce questo dolore anche al corpo.

Il dolore della mente (e del cuore!) viene somatizzato a livello fisico. In effetti molto spesso le persone che vivono forti stress o sono in qualche modo tristi trasferisco quel disagio dalla mente al corpo.

Il corpo, infatti, è la parte più sincera di noi stessi e quindi quando accumuliamo di continuo tensioni e sofferenze nella nostra vita, ad un certo punto il nostro corpo decide che è troppo. Così quelle tensioni sfociano, per esempio, in attacchi di panico, ansia, insonnia ed anche varie malattie e dolori di tipo psicosomatico.

Inutile a volte prendere medicinali o anche continuare a fumare… bisogna cambiare un po’ la propria vita! D’altra parte quante vite pensi di avere per poterti permettere di rinviare i problemi?

Quindi, tutto quello che di “terribile” accade quando si smette di fumare non dipende dall’astinenza fisica da nicotina (o dipende comunque in una percentuale bassissima e irrilevante), ma piuttosto dal proprio atteggiamento mentale e da ciò che accade nella tua mente e nel tuo cuore.

Cosa cambia da persona a persona e come trovare la “pace”

Prima una premessa importante: tutto ciò che ti accade quando decidi di smettere di fumare NON è (e ripeto NON E’) dovuto al fatto che hai deciso di smettere.

Se stai “male” è perché hai iniziato a fumare, tutto il dolore che puoi provare è causato dal fatto che sei un fumatore (o una fumatrice) e non dal fatto che stai smettendo. Questo è un punto fondamentale: è doloroso per il tuo cuore e la tua mente? Si certo.

Ma nel momento in cui decidi di smettere ti stai liberando dal dolore. Il fumo è la causa (o una della cause) del tuo dolore, e non la soluzione.

Ma ecco cosa cambia e perché cambia così tanto da fumatore a fumatore. Forse in uno di questi casi ti rivedi anche tu e spero tu possa trovare un po’ di “pace”.

La medicina

A volte la dipendenza da nicotina è una cura per la sofferenza della nostre esistenze: solitudine, noia, una vita molto stressante, dolori del passato che non riusciamo a perdonare o dimenticare.

Per cui questo aspetto può creare quel senso di vuoto e di depressione. Ma ecco le soluzioni…

Soluzione 1: continuare a fumare”finché mori”, cullandoti nell’illusione che va tutto bene, evitando di affrontate i tuoi veri problemi e usando una droga come soluzione. Perdona la schiettezza ma questo è ciò che può accadere e te lo dico anche per esperienza personale.

Certo per un po’ può andare bene e ti dico sinceramente che ci sta anche abbandonarsi a questa illusione, sapendo che è una pura illusione. A volte c’è bisogno di un po’ di tempo e va bene così ma ad un certo punto devi optare per la…

Soluzione 2: affrontare il dolore di quel vuoto per riprendere in mano la tua vita ed affrontare quelle sofferenze, crescere come persona e ed essere più felice. Ma per farlo occorre togliersi dai piedi la tossicodipendenza.

ho smesso di fumare

Foto di Free-Photos da Pixabay

La storia personale con la sostanza nicotina

Ognuno ha la sua storia personale e il suo rapporto con le sigarette. La storia che si ha con la sostanza che si assume gioca il suo ruolo nelle sensazioni che si provano quando si smette. Questo vale anche per le altre droghe.

Per cui se ti trovi nella situazione di aver fatto molto tentativi non riusciti c’è un grande vantaggio ma anche uno svantaggio.

Da una  parte hai maturato una certa esperienza con lo smettere di fumare, hai più consapevolezza, sai cosa ti aspetta e sei più preparato, ma dall’altra può succedere che la tua memoria ti giochi un brutto scherzo e magari hai dei riferimenti o delle aspettative migliori rispetto a ciò che poi senti.

Quindi ti immagini che proverai un certo tipo di “dolore” (dolore non fisico ma sempre dentro di te…) e invece poi ti accorgi che è molto di più di ciò che ti aspettavi, che è più “dura” rispetto alle volte precedenti.

Questo è dovuto anche a un fatto comune a tutte le tossicodipendenze: più porti avanti una dipendenza e più naturalmente potrebbe essere “doloroso” uscirne. Quindi non aspettare ancora e, lo so che non è semplice, ma non rimanere agganciato a ciò che ti è successo in passato e piuttosto focalizzati sul futuro e sulla vita da persona libera che ti aspetta.

Se hai un “big why” ( un grande perché)

Cambia anche se hai il tuo grande perché per raggiungere la libertà dal fumo, cioè se smettere di fumare fa la differenza nella tua vita. Se la tua voglia di smettere è un VOGLIO piuttosto che un vorrei (ma non riesco)…

Se invece vuoi smettere di fumare solo perché fa male o per risparmiare qualche soldo, non hai un “big “why”. Se è la cosa più grande che desideri e se intuisci che può cambiare la tua vita in meglio allora hai un “big why”, che può fare la differenza. 

Avere un forte “perché” ti fa anche dimenticare le sensazioni che provi e ti porta ad agire senza più pensare, ma soprattutto spazza via dalla mente l’incertezza e il dubbio di aver perso qualcosa . Sai che è la cosa giusta e sai che non c’è bisogno di aspettare il momento giusto. Il tuo “big why” è così forte che nulla ti può fermare. 

Può cambiare la situazione contingente

A volte lo stesso libro, lo stesso corso o seminario, lo stesso metodo che usi può avere un effetto differente e può funzionare meglio.

Ci sono momenti nella vita in cui si è più predisposti a un cambiamento o più semplicemente a forza di ripetere le stesse cose finalmente si sedimentano dentro di te e ottieni l’effetto desiderato. Ed è vero… la ripetizione è la madre di tutte le abilità!

Spesso quando si decide di smettere di fumare lo si fa dopo molti anni da fumatore e quindi c’è bisogno semplicemente di un po’ di tempo per attuare il cambiamento.

Cosa senti nei confronti della sigaretta

Infine ti parlo dell’aspetto per me più importante e forse determinante. La cosa più importante che cambia sono i tuoi sentimenti nei confronti della sigaretta.

Quando capisci e senti dentro di te che la sigaretta è solo (e ripeto solo) una tossicodipendenza… Tra l’altro la tossicodipendenza più malinconica che esista, perché non da nessun effetto di sballo o grande piacere come le altre sostanze psicotrope.

ho smesso di fumare

Photo by bruce mars on Unsplash

La nicotina è solo un veleno che crea dipendenza.

Quanto arrivi al punto nel quale senti che la sigaretta non può fare assolutamente nulla per te, che non c’è piacere ma solo disgusto, quando capisci che la nicotina è uno dei più grandi inganni della nostra storia allora non c’è medicina, non c’è momento e forse non c’è motivo che tenga.

E’ talmente tutto chiaro nella tua testa e soprattutto nel tuo cuore che non hai bisogno di fumare e tutto ciò che provi quando smetti di fumare è la contentezza di essere uscito da un incubo che compensa ampiamente le sensazioni fisiche che provi. Scatta qualcosa…

Per arrivare qui, a questo stato mentale e sentimentale spesso ci vuole un po’ di tempo, più di qualche tentativo non riuscito, per qualcuno un bel po’ di sofferenza ma ci si può arrivare. Tutti possono arrivarci. E’ una questione di sentimenti ed è ciò che provi nei confronti della sigaretta.

Per questo con il mio corso voglio (o almeno cerco) di fare “innamorare” le persone della vita da non fumatori, ma per farlo ognuno deve spostare ciò che “insegno” dalla mente al cuore. E ognuno ha il suo modo unico, ognuno raggiunge il proprio traguardo.

E’ proprio come una storia d’amore: ognuno ha la SUA ed è unica.

…e che ne dici di dare un’occhio al mio corso? (clicca qui).

Chi Sono

Sono Leonardo Brunetta, ex fumatore ed esperto in tossicodipendenze. Aiuto le persone a smettere di fumare in modo efficace e piacevole, così che possano vivere una vita migliore, più salutare e longeva, godendosi di più i momenti piacevoli e diminuendo lo stress.

Potrebbero interessarti anche...

Cosa ne pensi?