Storie di successo: Alice

Sono con Alice che ha partecipato al mio corso “Smettere di fumare divertendosi” dopo le feste, a Gennaio (2019), e oggi è, posso dirlo…?, una felice non fumatrice

Alice: assolutamente…! Felice e libera.

Alice intanto ti chiedo da quanto tempo fumavi e quanto fumavi?

Alice: Ho fatto una considerazione: metà della mia vita non fumato e metà della mia vita ho fumato. Non dico la mia età ma… E ultimamente fumavo sempre di più e arrivavo anche oltre il mezzo pacchetto al giorno. Avevo aumentato… periodo di stress perché c’erano problemi al lavoro.

Avevi fatto altri tentativi per smettere?

Alice: No… Erano tre anni che ci pensavo e non riuscivo a trovare il momento giusto per farlo. Perché una volta uno si dice che ha problemi al lavoro, altre volte ci sono altre cose e quindi non l’avevo mai fatto. Alla fine ho visto la pubblicità… e son venuta la corso. E’ arrivato il momento giusto.

Questa è una cosa che vedo frequentemente… “aspetto un po’, non è il momento giusto”. Io dico sempre: attenzione che il momento giusto potrebbe non arrivare mai…

Quando ti sei iscritta al mio corso cosa hai pensato? Come ti sentivi prima di iniziare?

Alice: Non avevo la più pallida idea… Nel senso che: smettere di fumare è qualcosa che finché non lo fai non sai che cos’è. Quindi io mi son detta: c’è una persona che mi può insegnare a smettere di fumare, imparo, vediamo cosa mi dice. Sono venuta senza preconcetti…

Poi ho visto che c’era altra gente come me, che tutti avevamo gli stessi problemi, perché più o meno le paure sono le stesse, le difficoltà sono le stesse. E quindi se lui mi dice che si fumerà l’ultima sigaretta, io seguirà e mi fumerò l’ultima sigaretta.

Quindi sei venuta con l’atteggiamento del “vado ad apprendere qualcosa”, e poi lo faccio secondo le indicazioni.

Alice: Si, di qualcosa che io non sapevo far da sola. E quindi mi son detta: se c’è qualcuno che mi insegna, bene!

Cosa ti ha colpito del corso o come ti ha aiutato a smettere?

Alice: Che tutte le persone hanno gli stessi miei problemi. Ad esempio per me la sigaretta era fondamentale prima e dopo un’appuntamento con un cliente importante… Perché mi dava calma e quella dopo perché mi stemperava dalla tensione.

E così ho visto che anche per le altre persone era così, perché parlando.. C’era una ragazza che anche lei lo faceva prima di un colloquio… ed è la stessa cosa. Praticamente siamo tutti uguali. Magari momenti differenti, cose differenti, ma siamo tutti uguali.

E’ stato facile alla fine per te smettere, come è andata? Mi ricordo che ci siamo anche un po’ sentiti… 

Alice: devo essere sincera, sono rimasta stupita che la nicotina non mi è mancata. L’ astinenza da nicotina è una cosa da poco, almeno per me sarà durata un giorno al massimo.

Dopo invece mi sono sentita un po’ persa… Infatti ho chiesto aiuto, ti ho mandato ogni tanto qualche messaggio, perché ti ritrovi dopo con tanto tempo in più.

E’ vero! Infatti io dico sempre che una dipendenza occupa il tempo… 

Alice: Sai una sigaretta ogni volta erano cinque minuti, e quindi cinque, cinque e cinque.. mi sono trovata con un’ora e mezza in più al giorno. Sembra una cavolata, ma un’ora e mezza è tanto. Allora sai ti senti un po’ persa, però i benefici sono talmente tanti e da subito che non tornerei più indietro.

Io facevo anche il calcolo di 2 ore, dipende anche da quanto fumi. Ma se la vedi da un altro punto di vista hai tanto tempo in più per fare delle cose interessanti, che ti fanno stare davvero bene.

Alice: si è vero. Ad esempio la sigaretta che io utilizzavo per concentrarmi era tempo sprecato. Erano cinque minuti che io sprecavo, perché dovevo prima fumare e dopo comunque mi dovevo concentrare per il lavoro. Quindi alla fine erano dieci minuti persi. Adesso gli ho recuperati e mi concentro prima, è impressionante. Ti rendi effettivamente conto che la sigaretta non serve, non serve a niente.

storie di successo: Alice

Siccome in questi giorni c’è qualcuno che sta finendo il corso online, ti volevo chiedere cosa ti ha aiutato di più nei primi giorni a superare quella piccola astinenza che poteva esserci?

Alice: allora secondo me bisogna puntare sui benefici che ottieni, perché benefici ce ne sono alcuni che sono istantanei. Non hai più il fiato corto, la sera non tossisci più.

Una cosa che mi è servita i primi giorni è stata farmi un regalo. Mi son detta: durante la settimana io spendo tot per le sigarette e allora ho regalato un bel aperitivo per me e mia sorella, siamo andate fuori, ci siamo divertite ed è stato molto piacevole. Farsi un regalo serve…

Si perché associ subito piacere al fatto di non fumare più… Io dico anche che a volte basta semplicemente il piacere, la contentezza che hai di essere libero dovrebbe compensare anche i sintomi che uno ha, che sono poi diversissimi da persona a persona. Però se uno si concentra solo sulle sensazioni che prova è chiaro che possono essere un po’ pesanti. 

Come è cambiata la tua vita dopo il corso e dopo che hai smetto di fumare?

Alice: molto positivamente, perché ti da una sicurezza in te stessa che è bella. Ti rendi conto di aver fatto qualcosa di molto positivo per te stesso, che ti sei fatto proprio del bene a te stesso. E’ un qualcosa che, almeno a me, ha riempito d’orgoglio, nel senso di essere riuscita a fare qualcosa che so che è un bene per me.

E’ un qualcosa di molto positivo che ti spinge dopo a rivedere anche altre cose e di cercare di pianificare al meglio la vita. Cerchi di rivederle un po’ e dici: ok, adesso ho fatto questo passo che è bello, che mi fa bene. Cerchiamo di fare qualcos’altro che vada bene e che magari nel passato non ho fatto.

E allora per esempio al lavoro sto più tranquilla, ho cominciato yoga… cioè mi son detta: ho fatto il primo passo per migliorare, continuiamo che è la via giusta. Per me è stato così: ho fatto qualcosa di molto positivo e mi piace l’idea di continuare nella positività, cerchiamo di espanderlo il più possibile.

Si infatti questo è un aspetto che a volte viene fuori… magari ci si accorge che c’è una parte della propria vita che ci crea un po’ di sofferenza, o comunque che è un po’ stressante e quindi a volte può essere l’occasione per “mettere mano” alla propria vita… Non vederla come una mancanza (la sigaretta), ma come l’occasione per migliorare ancora. 

Alice: assolutamente. Anche perché combatti comunque una grossissima paura. Ci sono tantissime paure legate al fumare. Ce ne sono tantissime…

Paure legate alla vita da non fumatore…

Alice: Eh sì… E quindi quando smetti e superi questa cosa e sei dall’altra parte.. beh dici il passo grande l’ho fatto, sono molto contenta, continuiamo a star bene che è la cosa più bella. 

Indubbiamente… e poi hai quel coraggio in più, quella fiducia in te stessa che è dovuta proprio al fatto che hai superato quella paura.

Alice: Assolutamente.

Benissimo.. ri chiedo un’ultima cosa… Se vuoi dire qualcosa ai fumatori che magari guarderanno questo video sul mio blog, quelli che magari sono fumatori o fumatrici indecisi se fare questo passo oppure no…

Alice: Secondo me seguite il corso, che sia online o dal vivo, seguite… e quando alla fine smettete siate tranquilli.. finite la sigaretta e la finite là. Non chiedetevi il dopo, il come, il cosa… E’ molto più semplice di quello che si pensi. Sembra una cosa impossibile e invece…

Per esempio.. abbiamo finito l’ultima sigaretta domenica alle 5, mi ricordo, e poi c’era da ritornare a casa e naturalmente non ho fumato mentre ero in macchina. E avere le mani sul volante e non fumare è.. semplicissimo!

Anzi… forse è più facile guidare

Alice: si infatti… E’ una cosa molto molto semplice, te ne accorgi con il tempo…

Molto più semplice di quello che immaginavi prima di farlo…

Alice: assolutamente!

Chi Sono

Sono Leonardo Brunetta, ex fumatore ed esperto in tossicodipendenze. Aiuto le persone a smettere di fumare in modo efficace e piacevole, così che possano vivere una vita migliore, più salutare e longeva, godendosi di più i momenti piacevoli e diminuendo lo stress.

Potrebbero interessarti anche...

Cosa ne pensi?