Ricadute e tentativi falliti: come superarli

ricaduteSecondo uno studio dell’Università di Toronto sono necessari in media 30 tentativi per riuscire a smettere di fumare definitivamente.

Di statistiche o studi ce ne sono altri e di più confortanti, ma il punto è un’altro: smettere di fumare non è quasi mai un evento, ma un percorso, un processo nel quale si passa attraverso dei tentativi falliti.

Questo dato ci dice semplicemente che se anche hai fallito in passato, non ti puoi arrendere all’idea di rimanere un fumatore per sempre.

Detto questo, si può smettere anche al primo tentativo e l’ho visto succedere anch’io più di qualche volta anche tra i fumatori che hanno partecipato ai miei corsi.

Ma cosa fare e come comportarsi dopo una ricaduta o un tentativo fallito? 

In questo post ti indicherò quella che io ritengo la strada più efficace da seguire anche in virtù della mia esperienza con le tossicodipendenze e in base a ciò che vedo succedere a chi frequenta i miei corsi e la mia pagina facebook.

Come può avvenire una ricaduta 

Ci sono due tipi di ex-fumatori. 

1) L’ex-fumatore a cui manca la sigaretta e passa il suo periodo da non-fumatore come una specie di pausa. Cioè pensa sempre di aver rinunciato a un piacere o sostegno della vita, e magari ci sono occasioni in cui si fumerebbe volentieri una sigaretta.

Ciò può avvenire anche dopo anni e questo tipo di ex-fumatore è sempre abbastanza a rischio di riprendere. Cioè deve fare resistenza alla sua voglia di fumare. Naturalmente dopo un periodo piuttosto lungo senza fumare quella voglia sarà sempre minore, fino anche a scomparire in alcuni casi

ricadute

Photo by Joseph Rosales on Unsplash

Ma a questo tipo di ex-fumatore è molto probabile che basti un semplice tiro per ricadere velocemente nella dipendenza da nicotina.

2) L’ex fumatore che è felice di esserlo e a cui non manca per niente la sigaretta.

Può succedere, (e succede abbastanza spesso) che a questo ex-fumatore, dopo un po’ di tempo, viene la strana curiosità di riprovare a fumare, semplicemente per vedere che effetto che fa. E’ successo anche a me.

Cosa può succedere? Può succedere, come è successo a me, che quella sigaretta diventa la prova del fatto che non c’è nessun piacere nel fumare e quindi ti conferma il fatto che è tutto finito. Capisci che ne sei fuoriE’ una specie di prova del 9 .

Ma potrebbe anche succedere che, avendo rimesso in circolo ancora il “virus” della nicotina, questo subdolamente ricomincia ad aggirarsi per la testa. E così probabilmente, magari non subito, ma dopo qualche giorno ti riaccendi una sigaretta, perché tanto ne hai fumata una e non è successo niente… Non hai ripreso a fumare…

E invece se ti accendi la seconda anche dopo qualche giorno o una settimana, è successo qualcosa, il virus della nicotina ti ha contagiato nuovamente.

E’ molto probabile che, nel nel giro di poco tempo, ti ritrovi ad accederti un’altra sigaretta e poi un’altra ancora e ritrovarti così, esattamente come la prima volta, di nuovo dentro la stessa dipendenza.

La forza di questo virus sta proprio nella sua “subdola iniezione”. Le persone lo sottovalutano e non pensano di diventarne dipendenti, ma proprio nell’istante in cui lo pensando, lo sono già. E’ capitato così anche a te?

Per cui fai attenzione in tutti i casi: se hai smesso di fumare, o quando smetterai di fumare, non cullarti mai nell’idea di riaccenderti una sigaretta per vedere che effetto che fa’.. e’ troppo rischioso. Potrebbe andare tutto bene, ma potresti anche ritrovati, nel giro di breve tempo di nuovo dentro la tossicodipendenza.

Non rassegnarti mai al destino

Comunque, se ti trovi nella situazione di essere ricaduto nella dipendenza dal fumo o se hai fatto un tentativo fallito, ti posso dire di ritrovare al più presto la massima serenità.

Uscire da una qualsiasi dipendenza è un percorso a tappe, senza dubbio. E le tappe sono proprio i tentativi falliti o le ricadute. Alle volte sono davvero un passaggio obbligato. Ci sono ricadute che ci danno una forza incredibile, ed è la forza della disperazione, la forza della fragilità

A volte senti che arrivi ad un punto di svolta, perché ti rendi conto che in qualche modo deve finire. A quel punto, puoi trovare la forza determinante per smettere definitivamente.

Una cosa importante sento il bisogno di dirti: dopo tanti di dipendenza, dopo tanti anni passati da fumatore probabilmente non ti ricordi più come facevi a vivere senza sigaretta.

Forse puoi solo immaginarlo ma c’è stato un momento, anche piuttosto lungo della tua vita, in cui non avevi nessun bisogno di fumare per vivere.

Ecco, vorrei che tornassi con la mente alla tua infanzia o a quella parte della tua vita in cui non avevi bisogno di fumare e vivevi benissimo, eri felice.  

Non sei nato con la sigaretta e fumare non fa parte del tuo DNA. NON sei destinato a rimanere un fumatore per sempre.

Lo so: dopo l’ennesimo tentativo fallito o dopo l’ennesima ricaduta potresti pensare di essere destinato a fumare o peggio di dover morire con la cicca in bocca.

Ti capisco molto bene perché c’è stato un momento della mia vita in cui non vedevo vie d’uscita. Ma quello è stato anche il momento in cui, senza forse rendermene conto, mi sono aggrappato alla vita.

Ti posso assicurare che è la nicotina che ti fa sentire così debole. Sono le sostanze e i veleni che assumiamo che modificano la nostra mente e ci tolgono fiducia in noi stessi.

Nessuno (ripeto nessuno) è destinato a rimanere un fumatore per sempre.

Il nostro passato non è mai uguale al nostro futuro a meno che non permettiamo che ciò avvenga. Oggi può essere sempre un nuovo inizio, il punto da cui inizia il resto della tua vita, per cui, davvero: non arrenderti mai alla tossicodipendenza.

Concediti la serenità di uno sbaglioricadute

Fatta questa riflessione, a cui tengo molto, ecco il modo migliore, secondo me, per gestire una ricaduta partendo da due errori da non fare…

1) Diminuire le sigarette. Dopo una ricaduta o un tentativo fallito spesso si riparte “piano” e magari potresti pensare che, in fin dei conti, puoi continuare a fumare diminuendo le sigrette.

Non funziona, punto. Le tossicodipendenze sono costruite per farci aumentare le dosi e fumare di meno per me non è mai una soluzione e ha il solo effetto di rendere più preziose le sigarette che fumi.

Insieme alle sigarette diminuiscono anche i tuoi motivi per smettere di fumare. 

2) Riprovarci subito.  Cioè cominciare una specie di stillicidio nel quale ogni giorno ci si promette di smettere.

Magari si resiste per un po’ o anche per qualche giorno, per poi alla prima difficoltà cedere al desiderio, con una infinità di sensi di colpa. Questo tipo di strategia non funziona e può fare anche a pezzi la tua autostima alimentando l’idea, del tutto sbagliata, di essere destinati a fumare.

La cosa migliore da fare dopo un tentativo fallito o una ricaduta è prenderne atto.

E’ andata male, pazienza. Essere consapevoli che è un percorso nel quale non esistono assolutamente fallimenti definitivi ma solo tappe di questo percorso.

Non insistere e a voler smettere in continuazione, ma concediti la serenità di uno sbaglio, di una caduta nel percorso. Prenditi una doverosa pausa dai tuoi tentativi, fuma e riordina le idee. Una cosa che puoi fare è cercare di capire con calma qual’è il beneficio più grande che ti da la sigaretta.

Cosa credi ti dia fumare?

Rispondendo a questa domanda puoi costruire il tuo prossimo tentativo di successo. Ma è una domanda a cui puoi rispondere con calma e un po’ di tempo.

Sii consapevole che, a volte, la sigaretta come qualsiasi altra dipendenza è un palliativo, un ciucco, una caramellina. A volte riflettendo su cosa ci da’ questa caramellina possiamo scoprire qualcosa di interessante che ci fa crescere come persone. 

Un’altra cosa che puoi fare nel tuo prossimo tentativo è farti aiutare. Un libro, un corso, di metodi per smettere ce ne sono tanti e a volte succede che bisogna semplicemente incontrarli nel momento giusto.

Lo stesso metodo, libro, o qualsiasi altra cosa funziona se siamo anche pronti a smettere e se abbiamo trovato la nostra leva interna. Ci vuole un tempo, pazienza e, possibilmente, serenità. 

Chi Sono

Sono Leonardo Brunetta, ex fumatore ed esperto in tossicodipendenze. Aiuto le persone a smettere di fumare in modo efficace e piacevole, così che possano vivere una vita migliore, più salutare e longeva, godendosi di più i momenti piacevoli e diminuendo lo stress.

Potrebbero interessarti anche...

Cosa ne pensi?